ADVENTURE | Maxienduro in “bianco”
maggio 7, 2018
0 commenti
Condividi

ADVENTURE | Maxienduro in “bianco”

Praticare “adventuring” permette di usare la moto a 360°. Anche in quelle condizioni tipo presenza di nebbia o di neve, in cui solitamente su strade asfaltate non ci si riesce

Nei giorni passati una nevicata “tipo quella dell’‘85”, unita al successivo rigonfiamento dei corsi d’acqua, ha risvegliato in me la voglia di mettermi in sella, certo che in fuoristrada avrei trovato dei guadi tipo foresta del Borneo. E allora via sulle sterrate innevate! Naturalmente il mio consiglio è di non uscire ma da soli, ma almeno di andare in due in modo che se uno si incastra da qualche parte, c’è sempre l’altro che può dagli una mano a tirar fuori la moto e magari fare dei percorsi non troppo lunghi cercando di non allontanarsi troppo dalle proprie zone. Io di solito cerco di coinvolgere sempre i miei ragazzi dell’Academy in questo tipo di uscite, così mentre ci divertiamo facciamo lavoro di squadra, insomma la difficoltà diventa uno strumento che unisce corpo e anima e fa da collante per il gruppo. Partendo dalla pianura si possono fare tutte quelle stradine che corrono lungo i campi, molto suggestive, soprattutto con la nebbia, di solito belle zuppe di fango, il luogo ideale dove sfoderare tutte le abilità. Ovviamente io vado sempre con la maxienduro, per non soffrire poi durante i tratti di asfalto e perché mi permette di fare molti più chilometri senza soffrire fisicamente; una volta arrivati in collina inizia il parco giochi, i torrenti sono sempre più a portata di ruota e spesso e volentieri sono accompagnati da sterrate larghe e goduriose. Anche se ha nevicato in questo tipo di percorsi si trova sempre neve fresca perché i mezzi spazzaneve non puliscono questo tipo di strade, e questo rende il percorso ed il paesaggio molto più suggestivo. Su questi percorsi si può sfogare tutta la propria bravura aprendo il gas, ma bisogna sempre ricordarsi di rispettare la natura, poi arrivati al guado bisogna approcciarsi con cautela perché le acque saranno impetuose e ricche di insidie; che spettacolo riuscire ad arrivare sull’altra sponda con tutta quell’acqua e riprendere l’asfalto per fare ancora qualche tornante andando a cercare la prima sterrata disponibile….

Il resto dell’articolo lo trovi in edicola con EnduroAction n°12
Tags Adventure

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

I tuoi dati saranno al sicuro! L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terze persone. I campi obbligatori contrassegnati come *