ADVENTURE | L’Africa secondo me… Rosario Sala
Luglio 1, 2020 Condividi

ADVENTURE | L’Africa secondo me… Rosario Sala

Da Città del Capo a Trento, a cavallo fra il 2019 e 2020. Una vera e propria avventura condivisa da Rosario Sala con la fidanzata Sabrina nella prima parte e proseguita poi in solitaria, lungo ventiduemila chilometri e attraverso 22 Paesi africani ed europei

Il nostro viaggio inizia il 22 novembre, dall’aeroporto di Malpensa, quando io e Sabrina, la mia morosa, alla sera prendiamo l’aereo per Addis Abeba e da lì per Città del Capo. Al nostro arrivo, il giorno dopo, ci aspettano due amici, Giulia e Federico, due giovani medici di Genova che hanno deciso di fare un’esperienza di lavoro fuori dall’Italia per un anno.

I primi diciotto giorni, con Sabrina, li passiamo percorrendo 4500 chilometri visitando Sud-Africa, Lesotho, Botswana, una parte dello Zimbabwe e dello Zambia; questa prima parte del viaggio la consideravo “la vacanza”. La zona sud dell’Africa benché abbia ancora molti problemi di ordine sociale, è abbastanza tranquilla, le strade sono molto belle e i servizi di prima qualità.

Tra l’altro conoscevo già i luoghi che abbiamo visitato avendoli attraversati nel viaggio che avevo fatto da Trento a Città del Capo, in moto, nel periodo a cavallo del 2014/2015. Per Sabrina invece si trattava della prima volta: non aveva mai affrontato un viaggio di questo tipo, in moto, e per lei questa parte di viaggio è stata sicuramente un’avventura.

Rosario-Sala Angola---resti-della-guerra-finita-nel-2002

Rosario Sala, Angola, resti della guerra

Ho percorso in tutto più di 22.000 chilometri attraversando Sud Africa, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Zambia, Namibia, Angola, Congo RDC, Congo Brazzaville, Gabon, Camerun, Nigeria, Benin, Togo, Ghana, Costa d’Avorio, Mali, Senegal, Mauritania, Marocco, Spagna, Francia e Italia.
Al momento della partenza da Città del Capo si presenta subito la Chapmans Peak Drive, spettacolare strada che scende verso Capo di Buona Speranza, lungo la costa dell’oceano Atlantico…

Il resto dell’articolo vi aspetta in edicola: EnduroAction n° 24 luglio/agosto o in versione digitale cliccando qui

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

Only registered users can comment.