ADVENTURE | Transitalia Marathon
Ottobre 31, 2019 Condividi

ADVENTURE | Transitalia Marathon

Gimme five!

La Transitalia Marathon raggiunge il traguardo dei cinque anni e lo fa con una edizione più lunga che da Rimini ha raggiunto Castiglion Fiorentino. Il racconto di chi l’ha seguita per Enduro Action

Transitalia Marathon ha fatto cinque. Sono quasi 350 i piloti che da 16 nazioni si ritrovano a Rimini per la quinta edizione di questo meraviglioso viaggio attraverso l’Italia più nascosta.

Per chi, come noi, ha partecipato più volte a questo evento è un po’ come tornare a casa dopo un anno e ritrovare vecchi amici e vecchie abitudini, pur essendo stata questa un’edizione con molte novità.

Per non perdere le buone abitudini martedì sera, dopo la cerimonia di apertura i pescatori di Rimini ci deliziano con un’ottima cena a base di pesce che tutti consumiamo scrutando il cielo e le nuvole che si stanno avvicinando.

Per il giorno seguente il meteo non promette nulla di buono. Infatti ci svegliamo mercoledì mattina con una temperatura decisamente autunnale e partiamo alla volta di Sansepolcro aspettando l’acqua da un momento all’altro. Acqua che per fortuna arriverà solo leggera e solo per pochi chilometri.

Transitalia-Marathon-2019La grossa novità di quest’anno è l’aggiunta di una tappa; saranno infatti quattro le giornate di viaggio che ci porteranno fino all’arrivo di Castiglion Fiorentino facendo tappa a Sansepolcro, Nocera Umbra e Bolsena. Il chilometraggio è quindi aumentato sensibilmente arrivando a sfiorare quota mille chilometri e il percorso è stato quasi tutto rivisitato rispetto le edizioni precedenti.

Tra i partecipanti vi sono nomi di spicco che ci riportano con la mente alle avventure dakariane degli anni Ottanta; sono infatti della partita personaggi del calibro di Roberto Boano, Bruno Birbes, Aldo Winkler, oltre a qualche esponente dell’ultima generazione di dakariani quali Alex Zanotti e Paolo Ceci.

Il resto dell’articolo vi aspetta in edicola: EnduroAction n° 21 novembre/dicembre

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento