Africa Eco Race 2020 – Alessandro Botturi
Gennaio 4, 2020 Condividi

Africa Eco Race 2020 – Alessandro Botturi

SERENAMENTE ALLA PARTENZA PER IL SECONDO ANNO AL CENTRO DELL’ATTENZIONE IN FRANCIA C’È ALESSANDRO BOTTURI

Mentone – Serenità. Questa è la parola d’ordine per Alessandro Botturi oggi a Mentone, per le verifiche dell’Africa Eco Race, numero due per lui dopo la vittoria del 2019. “Quando io sono con la mia famiglia sono sereno” ammette subito Botturi, ed è vero. Sorridente e tranquillo è arrivato ieri, 3 gennaio, al paddock di Mentone ed immediatamente è stato accerchiato da amici, appassionati, e tanto, tanto pubblico che voleva vederlo da vicino, complimentarsi con lui, stringergli la mano e semplicemente augurargli tutto il bene possibile per la gara. Alessandro, come sempre, non si è sottratto all’abbraccio del pubblico e ha accettato di posare per le foto di rito chiaccherando in tutte le lingue con i suoi fans. Stamattina poi, le verifiche, il primo atto ufficiale della sua seconda Africa Eco Race: alle 8 e qualche minuto il bresciano è salito allo Stade Rondelli per le verifiche e si è sottoposto ai soliti controlli di rito per recarsi poi, sul lungomare, nel capannone che ospita le verifiche tecniche, con la sua fida Yamaha che qui in Francia tocca il cuore di molti appassionati con la livrea celestina tanto cara alla Casa giapponese negli anni Ottanta. Alle 11 Alessandro è saltato in sella e ha raggiunto il parco chiuso dove ha lasciato la sua numero 101 proprio di fronte al popolare Stars’n’Bars, a pochi metri dallo Yacht Club, vicino al porto turistico di Montecarlo.

“E’ sempre un’emozione ritrovarsi al via di una gara, e ho una gran voglia di partire” diceva il bresciano. “Tutte queste formalità, le verifiche, il parco chiuso, e poi domani la nave, sono ovviamente doverose, ma sinceramente non vedo l’ora martedì di scendere dalla nave e accendere la mia Yamaha per misurarmi con la gara e con la prima tappa”. C’è ancora qualche giorno da attendere perchè questo avvenga, in effetti, perchè la nave quest’anno partirà da Savona – domenica mattina alle 9 – ed arriverà a Tangeri: “Abbiamo dovuto optare per una nave più grande rispetto allo scorso anno – ha spiegato al briefing l’organizzazione – perchè siamo molti di più e le navi che la Grimaldi Lines usa per il Marocco, per esempio sulla tratta Sete-Nador, come lo scorso anno, sono troppo piccole e non sarebbero state sufficienti per ospitare tutta la carovana del rally”. Per questo motivo la traversata durerà due giorni interi e soprattutto, con questa nuova tratta si arriverà a Tangeri e non più a Nador. Questo ha portato ad una nuova prova speciale che supererà, martedì, i 700 chilometri, con una prova speciale di 24 chilometri che accoglierà i piloti dopo 241 chilometri di trasferimento. Al termine dovranno coprire ancora 489 chilometri, sempre in trasferimento, fino al primo bivacco dell’Africa Eco Race 2020 a Tarda. Stasera Botturi saluterà il pubblico da Montecarlo e insieme a lui ci sarà anche l’ex pilota di Formula Uno, Alex Caffi, che proprio pochi giorni prima di Natale ha chiamato il Bottu per proporgli di entrare nella sua squadra corse: “Per me è stato un piacere, oltre che un grande onore perchè far parte di questa squadra, dedicata al papà di Alex, mi riempie di orgoglio. Siamo bresciani e ci piace andare a testa alta nel mondo, quando corriamo”.

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento