Alessandro Botturi vince l’Africa Eco Race 2019
Gennaio 15, 2019 Condividi

Alessandro Botturi vince l’Africa Eco Race 2019

Alessandro Botturi con la sua Yamaha WR450F ha vinto l’undicesima edizione dell’Africa Eco Race. L’arrivo sulle rive del leggendario Lago Rosa a Dakar, con un vantaggio di 4’54” su Pal Anders Ullevalseter, racconta bene la tipologia di gara, una battaglia quotidiana fra i due piloti di vertice. La determinazione e la forza di Alessandro hanno prevalso e fin dalla prima tappa si è portato in testa alla classifica generale mantenendola fino all’arrivo.

Una grande soddisfazione la vittoria di Alessandro” – dichiara Andrea Colombi, country manager di Yamaha Motor in Italia – “Abbiamo creduto tanto in questa sfida: il grande entusiasmo e il talento di Botturi, insieme alle capacità tecniche della nostra WR450F, ci hanno permesso di portare a casa il primo titolo del 2019”.

Il raid partito dal Principato di Monaco è stato caratterizzato da un ritmo di gara elevatissimo e da un percorso molto impegnativo e sfidante. Botturi ha saputo interpretare al meglio la gara e le piste che si snodano tra le dune di sabbia che hanno fatto la storia dei Rally Africani. Nella navigazione ha fatto la differenza e guadagnato quei minuti preziosi che lo hanno portato alla vittoria. La velocità e la concentrazione con cui ha condotto la gara hanno sbalordito anche il patron della corsa Jean Louis Schlesser che lo ha nominato “The king of navigation”.

Un meritato successo per il pilota Yamaha, che arricchisce una carriera sempre ai massimi livelli e aggiunge un’altra vittoria alla bacheca fatta di risultati importanti in ambito nazionale e mondiale.

Una vittoria voluta, un sogno realizzato: “Venivo da una serie di gare sfortunate alla Dakar e avevo davvero voglia di riscattarmi. E ancora una volta mi sono reso conto di come la fortuna sia fondamentale in queste gare. Ero partito per vincere, ma non volevo parlarne, per scaramanzia. Però il mio obiettivo era quello. Devo ringraziare tantissime persone per questa vittoria che dedico interamente a mia mamma. Devo dire grazie ai miei sponsor storici che mi hanno sempre sostenuto, credendo in me fin dai tempi dell’enduro” conclude il pilota Yamaha.

Commenta

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

I tuoi dati saranno al sicuro! L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terze persone. I campi obbligatori contrassegnati come *