Endurace | Dakar 2019 – Perù
Marzo 12, 2019 Condividi

Endurace | Dakar 2019 – Perù

100% Dakar

Con 18 vittorie consecutive, iniziate nel 2001 quando il compianto Fabrizio Meoni vinse la sua prima Dakar, KTM paradossalmente diventa maggiorenne. E lo fa nel migliore dei modi possibili, monopolizzando praticamente tutto il podio.

Dakar 2019 non era nata sotto i migliori auspici, a metà dell’anno, quando Argentina e Bolivia ritiravano in modo ufficiale la loro adesione, si era persino pensato di sospenderla per una edizione. Alla fine, riducendo il numero di tappe, l’ASO ha abbandonato quest’idea e sinceramente ne siamo contenti, anche perché polemiche a parte, è stata sotto il profilo agonistico la migliore degli ultimi 10 anni.

Per quanto concerne l’assetto organizzativo, non vogliamo entrare nel polverone delle polemiche, anche perché non ci siamo stati e quindi riportare cose non viste non è nel nostro DNA. Non ci esentiamo però dal polemizzare su quanto accaduto al nostro Nicola Dutto, primo pilota motociclista paraplegico della storia che volendo, a giusta ragione parteciparvi, è stato vittima di un quanto meno rocambolesco giro di esclusione e riammissione, diventata poi esclusione perché a detta degli organizzatori non si è presentato al cancelletto di partenza.

Forse, il fatto che Nicola rischiasse di finire la gara, ha impaurito in qualche modo ASO, vale a dire che se un “paraplegico” per giunta in moto, finisce la gara, significa che la può finire chiunque. Il rischio che la Dakar perdesse i suoi connotati di “mission impossible” c’erano, ma se solo per un istante ASO avesse messo in conto che Nicola è arrivato in Perù con una preparazione tale da potergli permettere di finirla senza nessun problema di sorta, il rischio veniva a cadere. Crediamo che di questa ingiusta esclusione se ne parlerà molto a lungo.

Dopo questa piccola ma doverosa parentesi passiamo alla gara vera e propria. Dominio assoluto quindi di KTM, che va oltre le aspettative che per i concorrenti sembravano invece essere rosee…

Il resto dell’articolo su EnduroAction n°17 in edicola

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento