EnduroGP a Rovetta: neanche una frattura ferma Brad Freeman
Giugno 26, 2019 Condividi

EnduroGP a Rovetta: neanche una frattura ferma Brad Freeman

Finalmente dopo una lunga attesa di quattro anni è tornata la Valli Bergamasche, la gara per eccellenza del Campionato del Mondo Enduro. Come per le edizioni precedenti è stato un evento incredibile, uno spettacolo nello spettacolo, dove i protagonisti sono stati i piloti ma anche il pubblico che è intervenuto ad applaudire i piloti Italiani e non solo.

Una gara resa ancora più dura dalla pioggia caduta durante tutto il primo giorno, per poi lasciare spazio ad una grande giornata di sole per il secondo giorno, che ha reso un percorso già duro di suo, ancora più impossibile.

La frattura della clavicola di Brad Freeman

La frattura della clavicola di Brad Freeman

Ed anche in questa occasione Brad Freeman è riuscito a stupire tutti per la determinazione e la tenacia con cui ha affrontato questa gara con una spalla rotta. Contro il parere di tutti si è schierato al via in tutte e due le giornate e,passando sopra ad un dolore indescrivibile, ha portato a casa due terzi posti di classe ed un settimo e decimo assoluto che gli permettono di mantenere la leadership sia nella classe E1 che nella EnduroGp.

Brad: ” Sono stati due giorni indescrivibili. Nella caduta in Grecia alla prima speciale dell’ultimo giro ho rotto la clavicola. Non c’era altra soluzione se non correre così. Ho deciso di provarci per non buttare via tutto il vantaggio sia nella classifica di classe che nella EnduroGP. Ho sofferto molto ma ci sono riuscito, torno a casa con le due tabelle rosse!! Ringrazio tutto il Team per l’incredibile supporto e per essermi stato vicino tutto il tempo. Un grazie di cuore va anche alla RMT in particolare a Chicco e Stefano per la loro disponibilità ed il loro supporto!! Grazie al pubblico Italiano per il grande tifo, siete stati grandi!!!”

Brad Freeman

Brad Freeman

Grande week end anche per Matteo Pavoni che con grande determinazione ha portato a casa una super vittoria in Day1 ed un secondo posto in Day2 a solo mezzo secondo dalla vittoria. Due giornate corse alla grande spinto dal pubblico di casa che lo portano al secondo posto in Campionato.

Matteo Pavoni

“E’ stata una gara molto dura, ma il sostegno del pubblico accorso numeroso, ci ha aiutato a portarla a termine. Sono contentissimo della vittoria nella prima giornata ed un po’ deluso del secondo posto di domenica. Ho commesso alcuni errori e alla fino ho perso per meno di mezzo secondo. Siamo ancora in lotta per il Campionato e mi farò trovare pronto per le ultime due gare!!”

Matteo Pavoni

Grande esperienza per Thomas Marini che dopo una prima giornata con diverse cadute ed un tredicesiomo posto in EJ2 nella seconda giornata si migliora e centra la top 10:

Thomas Marini

” Onestamente non pensavo si potesse fare tanta fatica così in moto!! E’ stata la gara più dura della mia vita. Sabato sotto la pioggia ho fatto molti errori, domenica, nonostante la stanchezza, sono riuscito ad andare meglio e ho centrato la top 10. Ci vediamo all’ Italiano a metà luglio”

Thomas Marini

Rientro al Mondiale per questo Gp d’Italia per Deny Philippaerts che ha chiuso le due giornate con un quinto e sesto posto nella E3.

DenyPhilippaerts

“E’ stata veramente dura! Ho scelto di correre la Valli Bergamasche perchè è una gara a cui non si può mancare per il grande pubblico e per le speciali sempre bellissime. Grazie a tutti per il grande tifo, ci vediamo all’Italiano!!”

Deny Philippaerts

Deny Philippaerts

Week end difficile per Mancuso che ha chiuso con un ottavo posto in EJ1 nella prima giornata ed un ritiro per una caduta nella seconda giornata.

Jarno Mancuso

“E’ stato un week-end molto teso ed emozionante. Quello che ha fatto Brad rimarrà negli annali e viverlo al suo fianco è stato molto duro ma anche molto toccante!! E’ stato grande anche Pavoni che ci ha regalato una grande vittoria nella prima giornata, ne avevamo bisogno e lui non è mancato all’appello! Un week end incredibile!! A presto”

ufficio stampa Beta Boano Racing

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento