ADVENTURE | Il Marocco come non l’avete mai visto
18 Dicembre, 2017 Condividi

ADVENTURE | Il Marocco come non l’avete mai visto

Il Marocco come non l’avete mai visto

Un tour nel marocco meno conosciuto, in posti inediti nel sud del paese e nel sahara occidentale

Mi contatta Fiorenzo Lo Giusto di Evasioni, un riferimento importante per l’assistenza Rally, 40 anni di Africa, impegnato in raid e gare in tutti i paesi del continente (si fa prima a domandargli dove non è stato). Mi chiede se voglio fare da guida a un tour che sta organizzando in Marocco, non le solite destinazioni ma posti inediti nel sud del Marocco, nel Sahara Occidentale.
Le tracce ci sono già, dice lui, basta solo accompagnare il gruppo, non preoccuparti facciamo un giro di prova per poi avere un seguito, tutta gente tranquilla. Io in Marocco c’ero stato solo una volta per lavoro, aeroporto-Casablanca-aeroporto praticamente non avevo visto nulla, il pensiero di fare da guida ad un gruppo in un paese e in luoghi a me sconosciuti mi preoccupava un poco. Studiando le tracce ho trovato molti punti critici, la cosa migliore per me era tracciare ex-novo. Metto così assieme i vari punti fissi per ridisegnare di sana pianta un percorso tenendo i riferimenti delle partenze e degli arrivi. Il gruppo si riunisce per la prima volta a Marrakech e da subito comincio a preoccuparmi: pochi ma buoni, anzi buonissimi. Massimo Semola, endurista di lungo corso, ha partecipato a vari campionati italiani, veterano e profondo conoscitore dell’Africa. Ha collezionato ben 8 viaggi tra Niger, Mauritania, e molto altro, quasi tutti fatti con Fiorenzo, ricchi di avventure incredibili da raccontare. C’è anche Ale Madonna, un mito nell’ambiente, sempre con le sue fide Yamaha degli anni ottanta con le quali ha percorso tutta l’Africa in lungo e in largo in oltre 30 raid. È un grandissimo conoscitore di tutti i percorsi della Dakar africana, nonostante non l’abbia mai fatta.

Il resto dell’articolo su EnduroAction n°10

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento