La prima tappa di Jacopo Cerutti
Gen 2, 2017
Antonio Ammiragli (146 articles)
Condividi

La prima tappa di Jacopo Cerutti

La grande avventura della Dakar 2017 ha finalmente inizio.11 mesi di attesa, allenamento, lavoro duro, sacrifici, preparazione, potranno essere messi a frutto.

9000 chilometri suddivisi in 12 tappe, sei giorni consecutivi di gara a più di 3000 metri di altitudine, circa 4200 chilometri di prove speciali. Coraggio ed avventura saranno gli aspetti cardine di un rally raid preannunciato come il più duro da quando si corre in Sud America.

La prima tappa è un “assaggio”, ma come di consueto non va sottovalutata.
Dopo un breve trasferimento iniziale dal podio di Asunción, capitale del Paraguay, i piloti affronteranno una prova speciale di 39 km, la prima della storia della Dakar completamente sul suolo Paraguaiano.

Un percorso breve, un ultimo rodaggio per i mezzi, un primo passo per i piloti in gara, ma che si prospetta tecnico, con alcuni passaggi quasi “trialistici”.
Dopo la speciale, rotta a sud, passaggio alla frontiera argentina, e trasferimento di circa 400 km fino a Resistencia, capitale della provincia di Chaco, nella valle del rio Paraná.

Tappa breve su fondo sabbioso, ma importante per stabilire l’ordine di partenza del giorno successivo.
Ed è proprio per questo fattore, rispetto al tragitto relativamente breve, che questa tappa sarà fondamentale da un punto di vista mentale. I centauri dovranno curare ogni minimo dettaglio fin dalle primissime battute per non perdere terreno dai rivali. La maratona del deserto e il risultato finale di Buenos Aires, si sa, si costruiscono fin dai primi metri.

Il nostro Jacopo ha trascorso la sua prima notte in tenda (in “dolce” compagnia di caldo e zanzare) e questa mattina, alle ore 4:30 ora locale, è suonata puntuale la prima sveglia del raid.

Jacopo alle ore 12:00 circa (ora italiana) è partito in sella alla sua nuova Husqvarna, che guida per la primissima volta, dando così inizio alla sua seconda Dakar.

Conclude il prologo piazzandosi al 21esimo posto… un ottimo risultato.

Antonio Ammiragli

Antonio Ammiragli

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

I tuoi dati saranno al sicuro! L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terze persone. I campi obbligatori contrassegnati come *