LONGRUN | Husqvarna 701 Enduro
Ottobre 25, 2017 Condividi

LONGRUN | Husqvarna 701 Enduro

L’imperatrice

Con la Husqvarna 701 Enduro iniziamo una serie di longrun, che serviranno a capire meglio le qualità delle vostre papabili moto. noi l’abbiamo portata prima sull’Amiata e in Val d’Orcia, poi per un’affascinante discesa della dorsale degli Appennini attraverso Emilia Romagna, Marche, Umbria, Lazio e per tutta l’Umbria, poi per un giro che unisce i laghi Trasimeno, di Bolsena, di Vico e di Bracciano, e infine di nuovo attraverso gli Appennini

Probabilmente in redazione a Enduro Action avranno pensato che, visto che sto sempre a parlare di vecchi catenacci, era tempo di farmi provare una moto di questo millennio. Per farlo non ne hanno scelta una qualunque, bensì quella sorta di missile travestito da moto che è la Husqvarna 701 versione 2017. Ebbene sì: sono rimasto impressionato, è una moto davvero molto affascinate con la quale ho fatto in pochi giorni 1600 chilometri e alla fine si sono dovuti impegnare non poco per riprendersela indietro e sradicarmi le dita dal manubrio…
La versione 2017 ha qualcosa come 6 CV di potenza e 3 Nm di coppia in più rispetto alla precedente. Come dire che i tecnici Husqvarna hanno lavorato in maniera egregia. Be’, 6 CV in più, ma rispetto a cosa? Rispetto ai già stupefacenti 68 che c’erano in precedenza. Questa moto ha qualcosa come 74 CV a 8.000 g/min e 71,0 Nm a 6.750 g/min: cifre francamente incredibili! Per dare un’idea, 74 cavalli significano che al confronto una 450 da cross è fiacca, e neanche poco! Sì, va be’, una valanga di cavalli, ma saranno praticamente impossibili da usare. Anche qui, neanche per niente! La 701 ha un’erogazione fluidissima e progressiva che porta quasi a dimenticare la sua potenza fantascientifica. E bisogna stare attenti allora, perché gli alberi ai lati scorrono davvero molto, molto in fretta. Non ci sono…

Ecco una piccola gallery del test:

per vedere tutte le immagini cliccare qui

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento