Mirko Gritti impone il sigillo del figliol prodigo alla prima d’italiano Under23/Senior
Luglio 27, 2020 Condividi

Mirko Gritti impone il sigillo del figliol prodigo alla prima d’italiano Under23/Senior

(E.C.) Che sarebbe stata una bellissima giornata di gara nessuno ha dubitato neanche per un solo minuto. La prima tappa del Campionato Italiano Under23/Senior 2020 è andata in scena ieri, domenica 26 luglio, con la regia – perfetta – del Moto Club Castiglion Fiorentino Fabrizio Meoni, un sodalizio che già da solo rappresenta una garanzia. Gli uomini del Moto Club infatti, hanno lavorato in maniera egregia, garantendo nonostante il caldo e la polvere – la vera protagonista dell’evento – una gara magnifica, divertente e ovviamente competitiva. E già, perchè l’agonismo quest’anno è uno di quegli aspetti che non vanno trascurati perchè le gare, per esempio in questo Campionato, sono solo tre e quindi non c’è tempo per strategie, tattiche di gara, e soprattutto non c’è spazio per gli errori. E la riprova di questo stato d’animo è il contenutissimo numero di ritirati, 23 su 276 partenti, meno del 10 per cento. L’ottima regia del direttore di gara, Angiolo Barbagli, il rispetto delle disposizioni anti Covid e l’osservanza delle norme anti contagio da parte di tutti hanno fatto sì che anche le Forze dell’Ordine, presenti su ogni prova speciale, non abbiamo elevato nessun verbale e si siano attenute solo a qualche consiglio, tra l’altro dato sempre in maniera molto garbata. E la reazione bellissima è stata anche quella della cittadina, vivissima per un weekend, sia a livello commerciale che di ospitalità tanto che al momento della partenza per il rientro a casa più di qualcuno ringraziava team e piloti e si chiedeva – e stasera cosa faremo?

Un bel weekend dunque, che ha regalato una sfida incredibile nelle prove speciali e bisogna ammettere che i piloti del Motorally, venuti in Toscana per allenarsi, e non solo, hanno dato davvero spettacolo. Per primo il figliol prodigo Mirko Gritti (Husqvarna) che dopo una ‘divagazione’ nel Campionato Motorally ha deciso di tornare nell’enduro, che più si confà al suo stile e al suo gradimento. Mirko è sceso in pista più che mai deciso a disputare una bella gara e ha combattuto fin dalle prime speciali con più avversari vincendo la classe e l’Assoluta: ovviamente Andrea Verona (TM) e Alessandro Battig (Honda) hanno dato spettacolo ma essendo nella classifica Elite non potevano figurare nell’Assoluta, ma anche se ci fossero stati Mirko sarebbe comunque arrivato a podio, terzo assoluto, nella gara che ha segnato ufficialmente il suo rientro 2020 nell’enduro italiano. Gritti vince e si impone per soli 2″9 su  Matteo Bresolin (Ktm) che, ironia della sorte, proverà quest’anno a misurarsi con i Motorally, nelle fila del team CF Racing di Fabrizio Carcano.  Terzo posto, e come affermato ieri è proprio il caso di dire welcome back, Jonathan Manzi (Yamaha) a 8″2 dal vincitore rientrato dopo diverse stagioni di stop. Alle loro spalle, per restare in tema Assoluta i giovani Federico Aresi (KTM Sissi Racing) e Michele Musso (Sherco Bike&co).

Il caldo pressante dell’entroterra aretino, che ha offerta a volte  temperature oltre i 30°,  non ha piegato gli animi dei 276 piloti presenti e per fortuna una leggera brezza ha accompagnato tutta la giornata, aiutando un po’ – lungo gli oltre 130 chilometri complessivi di gara – tutti, compresi i due apripista d’eccezione: Paolo Lucci (Husqvarna Solarys) e Alessio Paoli.

Nella classe Z, la 50, ben 19 giovanissimi si sono sfidati tirando il collo ai loro mezzi, ma dimostrando una caparbietà davvero encomiabile: a vincere questa prima tappa è stato Alberto Elgari (Entrophy/Diligenti), che ha fatto registrare tempi strepitosi. Alle spalle di Elgari un altro grande protagonista, Davide Mei (Vent/Gaerne) che conclude dietro il pilota emiliano per poco meno di un minuto. Terza posizione per Elia Pegoraro (Beta/Gaerne). Nella 125 Cadetti, a dominare la classifica sono stati Gabriele Pasinetti (Beta Junior Team), Riccardo Fabris (Fantic Jet Racing) e Lorenzo Bernini (KTM TNT Corse) mentre nella Junior, sempre 125, il podio ha visto al primo posto Igor Brunengo (Fantic Jet Racing) davanti a Simone Cristini (KTM) e Matteo Grigis (KTM Sebino).

Passando alla 250 2T, grazie a sette speciali vinte su nove, a conquistare il gradino più alto del podio è Jacopo Traini (Beta Entrophy/Diligenti) che si mette alle spalle per 52″ Matteo Menchelli (Beta) e con quasi due minuti Luca Filisetti (KTM). Anche nella 300, Alberto Capoferri (KTM Sissi Racing) ha riportato sette speciali su nove imponendosi per 10″ su Damiano Melchiorri (Husqvarna) e Silvestro Silvi (Beta Entrophy/Diligenti).

Jacopo Romeo, giovane talento piemontese, in sella alla sua KTM è stato il protagonista della 250 4T Junior che ha vinto davanti a Thomas Grigis (KTM Sebino) e Giovanni Bonazzi (KTM Sissi Racing), mentre nella 450 si è assistito a una bella sfida fra figli d’arte: a vincere un grandioso, e sempre umilissimo, Enrico Rinaldi su Husqvarna capace di rifilare quasi un minuto a Lorenzo Bazzurri (Husqvarna) con Alex Favari (Honda) terzo.

Nella Senior i principali attori della giornata sono stati Giuliano Mancuso (Fantic – 125 Senior), Luca Marcotulli (KTM – 250 2t Senior), Federico Aresi (KTM Sissi Racing – 300 Senior), Matteo Bresolin (KTM AMX – 250 4t Senior) e, naturalmente, il vincitore dell’assoluta, Mirko Gritti (Husqvarna – 50 Senior).

Alle spalle di Mancuso si sono sistemati Riccardo Crippa (Yamaha) e Giacomo Marmi (KTM) mentre Marcotulli ha avuto la meglio su Guido Conforti, (Husqvarna Garaffi), staccato di soli 2″, e Davide Guerrieri (KTM). A completare il podio della 300 un coriaceo Nicolò Mori capace di precedere Niccolò Scarpelli, rispettivamente su Beta del Team Entrophy Diligenti e KTM del Team TNT Corse, di soli 38 centesimi.

Matteo Bresolin, come detto, ha vinto la 250 4T e alle sue spalle si è piazzato un grintoso,  Jonathan Manzi (Yamaha) con Roberto Da Canal (Honda) capace di reggere il confronto a testa alta: se Bresolin ha riportato sei ps su nove, Manzi se n’è accaparrata una, così come Da Canal. Alle loro spalle un ottimo Jordi Gardiol (KTM) e Vanni Cominotto (Honda) alla sua prima uscita nell’enduro italiano, dopo la sfortuna degli Assoluti, e pronto a rimettersi in gioco nell’italiano Motorally la prossima settimana. Nella 450 ecco comparire un altro rallista, Jacopo Cerutti (Husqvarna Solarys) che ha corso con la sua maglia portafortuna della Dakar 2019: Cerutti ha vinto con un tempo strabiliante il primo cross test e poi si è battuto come un leone nella sua vecchia specialità, conquistando un terzo gradino del podio alle spalle di Gritti, vincitore appunto, e Michele Musso, secondo, che ha battuto il comasco per soli 21 centesimi.

La classifica riservata ai Moto Club ha visto primeggiare, tra gli Under23, la formazione del Bergamo che guadagna la prima posizione con Bernini, Bonazzi, Capoferri, Verzeroli. Alle sue spalle il Sebino e il Pavia. Nella Senior il Bergamo fa il bis con Piccinini, Gritti, Manzi e Aresi e dietro la compagine bergamasca ci sono il Trial David Fornaroli e il Pavia. Tra i Team Indipendenti vince entrambe le categorie il Team Diligenti Racing, con il Team KTM Sissi Racing secondo in ambedue le classifiche.

Con la prima tappa ha preso il via la seconda edizione del Challenge Enduro Husqvarna, competizione riservata ai giovani atleti con ranking superiore a 129,99: a vincere la categoria Under23 Gherardo Baldini in sella a una Husqvarna 250 4T, mentre nella Senior la vetta più alta del podio è andata a Christian Baglioni su Husqvarna 250 2T. Nel polveroso e insidioso Airoh Cross Test ad aggiudicarsi la prima tappa del Trofeo 2020 è stato Jacopo Cerutti, pilota più veloce nel bellissimo fettucciato davanti a Gritti e Bresolin.

Il prossimo appuntamento con l’enduro italiano sarà la seconda tappa degli Assoluti d’Italia-Coppa FMI/Coppa Italia Maxxis Ufo Plast a Carsoli (AQ) il primo e il 2 agosto mentre per rivedere in azione i riders del tricolore Under23/Senior Maxxis 24MX si dovrà attendere il prossimo 20 settembre, con la seconda tappa in programma ad Antegnate (BG). Tutti i risultati della giornata di Castiglion Fiorentino si possono trovare cliccando su https://www.italianoenduro.com/calendario/stagione-2020/under23-senior/1-prova/risultati/italiani

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

Only registered users can comment.