Rally d’Albania
Settembre 4, 2019 Condividi

Rally d’Albania

Shqipëri o Paese delle Aquile

Cronaca del Rally in una Albania conosciuta da tutti come il Paese delle aquile con tante storie legate a questa definizione

Quella che mi piace di più narra le gesta di un giovane e valoroso cacciatore che salvò un piccolo aquilotto da un serpente, le genti di quella terra lo incoronarono Re e lo chiamarono Shqipëtar che vuol dire figlio dell’aquila e il suo regno divenne conosciuto come Shqipëri o Paese delle Aquile.

Conoscendo il terreno di gioco, avevo ipotizzato di “correre” con una moto più leggera, ma all’ultimo momento ho optato per la Beta Atacama con cui ho partecipato all’Africa Eco Race quest’anno a gennaio, la Discussa, appunto, che – giustamente – ha tanto fatto discutere anche questa volta: sarebbe stata la moto giusta? Insieme a me, Ludovico, mio figlio, al primo vero debutto in un Rally.

La gara si apre sabato 8 giugno, con le consuete verifiche tecnico amministrative allestite presso la fabbrica della birra Stela: fa molto caldo e la birra fresca, ahimè, è deleteria.

Valdimiro Brezzi

Valdimiro Brezzi

La cerimonia di apertura, veloce, ci porta tutti in piazza, davanti alla statua dell’eroe albanese Gjergj Kastrioti, detto Skanderbeg, e da lì raggiungiamo il prologo intorno alle colline di Tirana, all’imbrunire. La domenica si parte presto e si fa subito sul serio: 380 km con tre prove speciali rispettivamente di 52, 120 ed 85 km, una più impegnativa dell’altra.

Il caldo si fa sentire e devo combattere con i soliti problemi di disidratazione e crampi a non finire. Ludovico, evidentemente, ha sottovalutato i miei racconti a proposito di gara impegnativa, forse in cuor suo ha sempre pensato che se ce la facevo io … e a fine tappa arriva veramente sfinito. Christian Pastori vince la giornata battendo l’austriaco, Ferdinand Kreidl con poco più di due minuti di vantaggio dopo quasi sei ore cronometrate!

Il resto dell’articolo vi aspetta in edicola: EnduroAction n° 20 – settembre/ottobre

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento