TEST | Beta RR 250 MY2021
Luglio 1, 2020 Condividi

TEST | Beta RR 250 MY2021

Beta RR 250 MY2021: L’enduro si tinge di rosso

Un percorso darwiniano costruito sui campi di gara, test massacranti e soprattutto, la cosa che conta di più, sul feedback di tutti gli appassionati: la nuova gamma 2021 beneficia di una serie di miglioramenti e affinamenti che fanno della Casa di Rignano, un punto di riferimento assoluto nel mondo dell’enduro

A costo di sembrare ripetitivi bisogna ammettere che la pandemia provocata dal Covid-19 ci ha rivoltati come un calzino costringendo tutti, appassionati e aziende, a rivedere i propri piani. Preparare una nuova Gamma e farlo con concretezza, non era cosa facile, nemmeno per aziende di rango quali Beta che sa perfettamente come il successo si costruisca passo dopo passo. Il look della nuova gamma 2021 è più aggressivo che mai, il rosso diventa il colore dominante, cosi come il logo Beta in grande evidenza sui convogliatori. La lista degli aggiornamenti, lunga e articolata, tocca praticamente tutta la gamma, a partire dalla piccola quarto di litro e può essere riassunta in questo breve specchio riepilogativo:

  • Telaio rivisto nella zona canotto di sterzo e nei fazzoletti di rinforzo
  • Telaietto posteriore più robusto e affidabile
  • Nuovi fissaggi fianchetti per diminuire i tempi di smontaggio
  • Sella rivisitata nel piatto e nello schiumato.
  • Ottimizzazione della scatola filtro per migliorarne l’impermeabilizzazione
  • Impianto elettrico rivisto per aumentarne la potenza
  • Upgrade interno delle Forcelle ZF, per migliorare la scorrevolezza
  • Nuovo setting del mono-ammortizzatore posteriore
  • Strumentazione migliorata nella componentistica
  • Nuova colorazione rosso fluo e inedito set grafico

Tutta l’intera gamma sarà nei concessionari a partire dalla fine di giugno 2020, mantenendo inalterati i prezzi rispetto la gamma di quest’anno. Abbiamo provato per questo numero Beta RR 250 MY2021 2Tempi, diretta discendente della 300RR, vincitrice del Mondiale Enduro e abbiamo scelto questa cilindrata perchè riteniamo che sia una buona piattaforma…

Il resto dell’articolo vi aspetta in edicola: EnduroAction n° 24 luglio/agosto o in versione digitale cliccando qui

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

Only registered users can comment.