TEST | Beta RR 390 MY2021
Settembre 9, 2020
0 commenti
Condividi

TEST | Beta RR 390 MY2021

Beta RR 390 MY2021 – Under control

Le sue carte vincenti stanno nella coppia e nella trazione che sono indubbiamente eccezionali e la potenza è gestibile in qualsiasi situazione e terreno. Il doppio iniettore e l’avviamento elettrico di serie completano un pacchetto perfetto per tutti gli appassionati di Enduro

Come già detto nello scorso numero, testando la 250 2T RR, Beta non si è fatta trovare affatto impreparata alla ripartenza del mercato dopo il lockdown, e non a caso è stata la prima Casa a presentare l’intera gamma 2021 che non va considerata come una semplice rivisitazione della gamma 2020, ma piuttosto un vero e proprio secondo step evolutivo.

Una generazione completamente nuova che anno dopo anno sta diventando una spina nel fianco delle contendenti. Beta, grazie alle vittorie mondiali, ha reinterpretato nel modo più semplice, ma efficace, l’essenza pura dell’enduro con una moto leggera, estremamente compatta e soprattutto sottile, che la rende facile e intuitiva da guidare ma al tempo stesso aggressiva ed efficace.

Credo che il maggior pregio della casa di Rignano stia nel fatto che gli ingegneri siano stati molto attenti nel capire, e successivamente trasferire, tutte le esperienze maturate sui campi di gara a tutto vantaggio degli utenti finali che ricevono un prodotto che profuma assolutamente di vittoria.

Non enfatizziamo questi concetti perché Beta rappresenta l’industria italiana nel settore, ma perché sono reali e palpabili. Indubbiamente i difetti non mancano, nulla è perfetto, e gli sviluppi servono proprio a questo.

Essenziale è la base di lavoro che nel caso di questa Beta RR 390 riteniamo essere validissima. Di primo acchito, comune a tutta la nuova gamma, troviamo la nuova colorazione rosso vivo, con grafiche e “plastiche” ridisegnate attorno a una sella completamente inedita ripensata nel piatto sella e nello schiumato, ora più sostenuto…

IL RESTO DELL’ARTICOLO VI ASPETTA SU ENDUROACTION N° 25 SETTEMBRE/OTTOBRE IN VERSIONE DIGITALE CLICCANDO QUI

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

Only registered users can comment.