TEST | Beta RR 430 Racing
Gennaio 7, 2019 Condividi

TEST | Beta RR 430 Racing

Crescere a piccoli passi

Questa è stata la filosofia di Beta negli ultimi 10 anni ed ora, sempre più a ridosso dei leader del settore, presenta per il 2019 una ricca serie di modelli sempre più performanti, grazie al costante miglioramento che la casa Toscana si è imposta. Non fa eccezione la RR 430 racing protagonista del nostro test, divenuto ormai un vero e proprio “bombardone”

Il lavoro di sviluppo di questa 430 si è concentrato sia sul motore che sulla ciclistica, con una particolare attenzione al reparto sospensioni, tanto anteriore quanto posteriore, che ora vanta una componentistica ZF Sachs di altissimo livello ed estremamente evoluta rispetto al passato. Come su tutta la gamma, troviamo un nuovo comando gas progettato in esclusiva per Beta migliora la risposta del motore alle piccole aperture, permettendo di gestire al meglio la trazione anche in condizioni difficili. Le mappature sono state riprogrammate, cosi come l’attuatore della frizione che rende il comando più morbido e dosabile in tutte le condizioni di marcia. Per il reparto sospensioni, come abbiamo accennato, troviamo una nuova forcella ZF Sachs da 48 mm, abbinato ad un nuovo sistema di regolazione, che permette di posizionare i registri di compressione e precarico direttamente sul tappo superiore della forcella, rimanendo cosi facilmente raggiungibili e azionabili senza l’uso di attrezzi. La forcella gode inoltre di un nuovo sistema di tamponamento che garantisce una maggiore stabilità e un fodero con anodizzazione speciale che ne migliora molto la scorrevolezza e la resistenza all’usura. ZF Sachs anche per quanto riguarda il mono che ora adotta un pistone da 46 mm. Il nuovo pistone è stato studiato per offrire una maggiore stabilità di funzionamento oltre a diminuire gli ingombri totali. La prima sensazione che si ha in sella è quella di una moto…

Il resto dell’articolo su EnduroAction n°16 in edicola

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

I tuoi dati saranno al sicuro! L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terze persone. I campi obbligatori contrassegnati come *