TEST | Husqvarna TE300i 2020 by Bosi
Ottobre 30, 2019 Condividi

TEST | Husqvarna TE300i 2020 by Bosi

Verso l’infinito e oltre

Quella di questo test è stata una sfida ardua da portare a termine perchè si tratta di una moto già destinata all’enduro che con pochi essenziali ritocchi diventa perfetta per le prove d’enduro estremo

Ci troviamo nell’entroterra toscano vicino a Lucca nella famosa Garfagnana, una zona che da sempre strizza l’occhio al mondo dell’estremo grazie a manifestazioni internazionali come per esempio l’Hells Gate, una delle gare più famose della specialità.

Per Enduro Action Michele Bosi, pilota di livello internazionale che ha preso parte alle più importanti gare del panorama Extreme come Erzberg, Romaniacs, Extreme XL Lagares e molte altre ancora, ha messo a disposizione la sua moto, per svelarne tutti i suoi segreti. Si tratta di una Husqvarna 300 2T, iniezione, 2020, che presenta una serie di piccole modifiche che non hanno stravolto nei fondamentali una moto di per sé già pronta per le gare. Cominciamo prima di tutto con una valutazione sulle reali difficoltà di questa disciplina: Temperature di esercizio.

La moto è sottoposta a sforzi estremi a velocità ridottissime dato che la si spinge per diverso tempo sulle mulattiere; pertanto si surriscalda non riuscendo, dato il suo ‘lavoro’ prolungato, a raffreddarsi.

Husqvarna TE300i 2020 by Bosi

Michele Bosi

Il grip (l’aderenza). L’enduro estremo è caratterizzato da passaggi al limite del possibile, senza rincorsa nè velocità, in forte pendenza, dove emergono la tecnica e la bravura del pilota, ma senza un buon grip sei comunque già “finito in partenza”.

Percorsi. La maggior parte delle volte l’estremo è caratterizzato da passaggi in mezzo a pietraie insidiosissime dove spesso ti trovi a urtare o scavalcare rocce enormi. La quasi totalità della moto è, per questo, soggetta a urti molto pesanti. Questi sono i tre particolari essenziali che caratterizzano l’enduro estremo fermo restando che si…

Il resto dell’articolo vi aspetta in edicola: EnduroAction n° 21 novembre/dicembre

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento