TEST | KTM 450 EXC-F
Giugno 6, 2017
0 commenti
Condividi

TEST | KTM 450 EXC-F

KTM 450 EXC-F: mordere la polvere

Ergonomia e punti di contatto perfetti, massima libertà di movimento, sella ribassata e un piacevole comfort, specie nella parte posteriore sono le caratteristiche di questa 4 tempi ktm, Ma anche il propulsore SOHC a iniezione, ridisegnato con l’intento di renderlo più compatto e leggero, pur erogando coppia e potenza di riferimento a qualsiasi regime, rimane gestibile e conforme alle norme Euro IV

Andiamo a vedere nel dettaglio le principali caratteristiche tecniche di questo 450. La testa cilindro SOHC è stata completamente ridisegnata insieme all’albero a camme in testa, i condotti, la camicia contenente l’acqua di raffreddamento e la camera di scoppio. La catena di distribuzione è stata accorciata, due nuove staffe laterali permettono di fissare il motore al telaio in modo efficace riducendo notevolmente le vibrazioni. L’albero motore della 450 EXC-F è più rigido rispetto alle precedenti versioni, monta una biella più corta, che contribuisce a rendere il motore più compatto e brillante nelle prestazioni generali e nonostante sia più leggero di “soli” 100 grammi, mantiene la stessa inerzia riducendo notevolmente le vibrazioni. Anche i carter motore hanno subito profondi cambiamenti, permettendo una configurazione dell’albero molto più centralizzata, cioè più vicino al baricentro della moto, con una riduzione di altri 550 grammi. Piccola chicca e la presenza di rilievi in superficie in grado di ridurre l’usura provocata dallo sfregamento degli stivali del pilota, problema meramente estetico ma senz’altro fastidioso su una moto nuova. All’interno del cilindro accorciato, con un alesaggio di 95 mm, lavora un affidabile pistone di tipo box-in-box dotato di spinotto ultraleggero, direttamente derivato dal reparto racing di KTM. L’avanzato sistema di gestione del motore con iniezione elettronica Keihin è dotato di un corpo farfallato da 42 mm che garantisce una risposta del motore istantanea, fondamentale per l’enduro “d’attacco” a gradoni e muri, ed è corredata di sistemi separati per l’avviamento a freddo regolazione del minimo…

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento

Only registered users can comment.