TEST UM DSR EX 125
Settembre 5, 2019 Condividi

TEST UM DSR EX 125

Vorrei, ma posso!

La UM DSR 125 4 Tempi è una enduro destinata a chi vuole prender confidenza con una racing, ma senza esagerare

UM è un marchio nato e registrato in America, per la precisione in Florida, dalla famiglia Villegas. Come spesso accade in queste storie, c’è un personaggio, in questo caso il patriarca della Casa, Octavio Villegas Llano, che fin da bambino aveva un sogno: creare mezzi di trasporto a basso costo.

Ispirato dalle precarie condizioni di vita della popolazione latinoamericana Octavio desiderava fin dall’inizio proporre non solo un prodotto, ma un’opportunità per tutte quelle persone, oltre metà della popolazione, che vivono con un basso reddito. La sua speranza era quella di cambiare la loro vita.

Oggi UM distribuisce in 25 Nazioni, fra cui l’Italia, e conta ben 1200 punti vendita. Design innovativo, qualità, prezzi bassi, tecnologia e una gamma ricca e varia, che passa dagli scooters alle naked, le cruisers, le custom e le adventure sono i segreti di una Casa che dal 2018 è arrivata anche nel nostro Paese, in particolare a Viterbo, dove risiede UM Italia.

Ha suscitato non poca curiosità questa UM DSR 125 4 Tempi, vestita di rosso e nero per la stagione 2019. Il design, sempre al centro dell’attenzione, richiama lo stile delle altre enduro sul mercato, ma nello stesso tempo combina soluzioni tecniche interessanti.

La UM DSR enduro è equipaggiata con motore monocilindrico raffreddato a liquido, con 4 Valvole comandate da 2 alberi a camme da 124,6cc.

La classica trasmissione a catena, il cambio a 5 rapporti e l’avviamento elettrico completano il quadro. Sull’anteriore monta una forcella idraulica telescopica a steli rovesciati non regolabile, mentre al posteriore si trova un mono ammortizzatore idraulico con regolazione del precarico molla. L’impianto frenante è provvisto…

Il resto dell’articolo vi aspetta in edicola: EnduroAction n° 20 – settembre/ottobre

Commenti

Non ci sono commenti Puoi essere il prima che commenta questo articolo

Scrivi un commento